09/02/2018

T90s Mbt

Le fa dondolare, cercare un equilibrio che all’inizio sembra precario e poi invece le riporta a terra più sane, più magre e più grintose che mai. Sono le scarpe e per l’estate sono anche sandali e ciabatte basculanti. Grosse a zeppa con la suola che di profilo è fatta a gondola, scivola in dentro dalla parte del tacco e della punta..

Dal 1992 al 1994 carri armati italiani vennero schierati ancora una volta in Somalia, durante la missione Ibis. I carri M60 della Brigata Ariete partecipano alla famosa battaglia del check point Pasta. I nostri carri armati sono stati presenti anche nei Balcani nelle missioni IFOR, SFOR e KFOR.

( Trombetta da Beirut, Europa, 8 giugno) Una guerra civile guerreggiata a sfondo confessionale è in corso in alcuni territori della Siria. In particolare in quelli a maggioranza sunnita attorno alla regione montuosa nord occidentale, abitata tradizionalmente dagli alawiti, branca dello sciismo e a cui appartengono i clan al potere da quarant’anni. Padre Paolo Dall’Oglio, gesuita romano, da più di tre decenni in Siria e fondatore della comunità monastica di Mar Musa a nord di Damasco, parla di quel che ha visto con i propri occhi nella regione a ovest di Homs, nella Siria centrale e al confine col Libano, durante otto giorni, tra la fine di maggio e i primi di giugno, passati nei territori controllati dai ribelli sunniti continua a leggere..

Alla inaugurazione del Mast c TMera l TMex presidente del consiglio Enrico Letta, ad assistere al conferimento della laurea ad honorem c TMerano Luca Cordero di Montezemolo, l TMex rettore Fabio Roversi Monaco, Romano Prodi, il registra Gabriele Salvatores e, a sorpresa, anche il leader della Fiom Maurizio Landini. Ci che unico nell TMesperienza della Seragnoli ” commentava Romano Prodi ” l TMaver impiegato modelli aziendali per fare del bene. Ha messo al servizio della comunit non solo denaro ma modelli organizzativi che danno efficacia, forza e durata a iniziative che promuove.Il grande merito della Fondazione Seragnoli di essere riuscita a sbloccare l TMinerzia di strutture pubbliche con iniziative modello sul piano organizzativo e aziendale, in grado di assicurarsi un futuro anche dopo il loro avvio.

Le società, come gli individui, sono dotate della capacità di dimenticare e solo così possono affrontare con strumenti adeguati i nuovi problemi che continuamente si presentano.Vi sono però altri tratti culturali la cui eventuale perdita viene valutata come una minaccia proprio perché a essi viene attribuito un valore; sono questi tratti che vengono a far parte della tradizione e rispetto ai quali vengono messe in atto pratiche consapevoli volte alla loro conservazione e trasmissione.Questa distinzione, del resto, si riscontra anche nel linguaggio comune. A nessuno, ad esempio, verrebbe in mente di dire che nelle società moderne vi è una tradizione di insegnare ai bambini nelle scuole la lettura e la scrittura. Questa pratica è da noi così universalmente accettata e data per scontata che la riteniamo ‘naturale’ e infatti le abitudini vengono definite ‘naturali’ per indicare il fatto che non vengono messe in discussione, non sono cioè oggetto di deliberazione e di scelta.

Tagged on:

Lascia un commento