09/02/2018

New Russian Mbt

Se si finisce per non usarla (comunque) arreda. Arriverà però tra un mese (sarà presentata al Salone del Mobile). Per tonificare braccia e spalle e tenere allenata la schiena indispensabile una banda elastica. Mi sono allora fatto visitare dal neruochirurgo che mi ha operato, il quale, dopo avermi sottoposto a una accurata visita, ha escluso ogni complicazione e ha detto in sostanza che, a suo parere, il motivo del bruciore al piede e alla schiena dovuto soltanto alla radice L5 ancora molto infiamata, per cui mi ha prescritto ancora per 15 giorni Orudis 200 mg. Retard e per 30 giorni Lyrica, due volte al giorno. Purtroppo, queste cure non mi hanno fatto molto effetto, sicch il chirurgo mi ha prescritto una risonanza magnetica..

Itinerario che sale da Predaia fino alla Malga Coredo Vecia, dislivello di 500 metri da coprirsi in 12 km attraverso boschi e prati molto estesi. Dal parcheggio di Baita 7 Larici (metri 1100) si prende per rifugio Predaia passando per rifugio Sores fino a giungere al Predaia, km 5 metri 1440. La nuova direzione da seguire Malga Rodeza e poi Malga Coredo.

In discesa per altri 100 m fino ad una forestale da seguire in salita arrivando cos ad un altro vecchio edificio e poi ad un grande prato da attraversare fino al margine opposto per imboccare uno stretto viottolo sopra un rigagnolo. Si arriva all TMincrocio con una mulattiera da seguire in salita fino a trovare un tratturo a fondo sassoso in discesa; passando accanto ad una baita abbandonata, si raggiunge la strada che sale da Sus di Pergine verso il ristoro Alpino Marzola, dal quale si prosegue alla localit Piani di Vigo. Percorrendo un tratto delimitato da staccionate in legno si ammirano la.

L di questo sistema è stato indubbiamente Karl Mller, ingegnere svizzero che inventò le MTB studiando il cammino dei Masai. Sull del successo sono venute molte calzature, alcune più bizzarre, altre più tecniche. In principio c stata Skeckers, che con le sue Shapeup ha riempito il mercato americano.

In questo negozio sul Naviglio Grande si servono molti milanesi patiti della corsa. Le calzature sono l’articolo più richiesto, con prezzi che partono da 80 90 euro e i marchi migliori del settore, da Saucony a Brooks a Mizuno, passando per Asics, che tra gli ultimi modelli ha lanciato la coloratissima e iperammortizzata “Gel Nimbus 17, disponibile in versione uomo e donna a 155 euro. Vendono anche le “antishoes” Mbt, calzature con suola basculante per chi vuole ammortizzare l’impatto col terreno in qualsiasi momento della giornata.

Tagged on:

Lascia un commento