09/02/2018

Mbt Shoes Worldwide

Non passa nemmeno un’ora. Alle 4.15 scatta di nuovo l’allarme sottolinea Bandiziol Torno di nuovo in negozio per capire se vi sia un malfunzionamento nel sistema. Quando arriva al pesante portone basculante metallico che dà accesso a un magazzino la scoperta: il portone è divelto.

Già questo succede oggi con testi memorizzati solo dieci anni fa con programmi e macchine ormai irrimediabilmente fuori uso. Archivisti e bibliotecari, soprattutto di fronte all’enorme massa di informazioni che vengono continuamente prodotte dalle più diverse fonti, dovranno decidere di volta in volta ciò che è destinato all’oblio e ciò che merita di essere conservato. Saranno loro i filtri della culturale dell’umanità.

Livoriano Moussa Kone verticalizza chirurgicamente su Marco Sau. Laccigliato attaccante nuorese infila la porta in velocità. Esulta mettendosi la mano tesa sulla fronte, come gli Apaches quando guardano lorizzonte. Con una significativa differenza dalla tradizione: l’occhio attento di una spia, assai probabilmente, l’avrebbe notato pressoché immediatamente: la bocca di fuoco da 105 mm di cui è dotato l’implemento misterioso, un cannone della BOFORS allo stato dell’arte, risulta incastrato saldamente tra le piastre d’armatura frontale, inclinata e spessa fino a 337 mm. Non soltanto, dunque, esso non può ruotare, ma neppure modificare l’alzo per sparare in alto oppure in basso. Esso è, per tutti gli aspetti e sotto ogni punto di vista, totalmente fisso in quella direzione.

Sesta edizione di “Creazioni Artigiane Artiste e fiori al Castello” al Castello Visconteo di Abbiategrasso, promosso da Associazione culturale e artistica Iperbole. L’evento (venerdì 6 ore 15 19.30; sabato 7 e domenica 8 ore 10 19.30) offre un percorso alla scoperta del talento artigianale femminile ma anche fiori e piante insolite. Sarà anche un’occasione per visitare (domenica 8 marzo) le sale del primo piano e gli appartamenti di rappresentanza (contributo 3 euro).

Si è rivelato molto interessante il fatto che uno stesso terapeuta ha eseguito il trattamento di due pazienti diverse, (paziente 4 e 5), attuando in modo completamente diverso nel corso delle due terapie. Il motivo alla base del diverso tipo d’approccio era probabilmente dovuto alla diversa personalità dei pazienti, hanno fatto notare gli autori. Ma potrebbe anche essere che i pazienti rispondano diversamente a differenti aspetti della personalità del terapeuta.

I trattamenti cognitivo comportamentali “bona fide” hanno risultati migliori di quelli NON cognitivo comportamentali (come ad esempio quelli psicodinamici) di un margine statisticamente significativo, sebbene vi siano dei limiti nei trials presi in esame che limitano la validit interna di tali conclusioni3. I trattamenti cognitivo comportamentali completi non implicano benefici statisticamente superiori rispetto alle loro singole componenti4. La distribuzione della dimensione dell’effetto (“effect size”) TRA i trattamenti cognitivo comportamentali (ce ne sono diversi tipi) si attesta intorno allo zero.Conclusione? Non supportata una specificit di UN SINGOLO trattamento cognitivo comportamentale per bulimia e BES.Ma nello studio non si parla proprio di terapie psicodinamiche (al contrario, si conferma la superiorit dei trattamenti cognitivo comportamentali).Ai lettori interessati suggerisco la lettura dell’abstract segnalato dal dott.

Tagged on:

Lascia un commento