09/02/2018

Mbt Mahuta White

Da l al segreto dei Masai il passo non fu breve, tuttavia serv a stimolare la ricerca di una calzatura che imitasse la camminata del popolo africano. Dal 1996 sono disponibili sul mercato in varie forme dai nomi ricercati: Barabara, scarpa casual; Chapa GTX, calzatura sportiva; Kaya, scarpa da donna; fino al sandalo Kisumu. Si dividono in tre linee: Casual per il tempo libero, Sport per le attivit sportive, e Professional per manager, infermieri, commessi e insegnanti, ovvero gente che vive in piedi o deve camminare spesso..

Questa guida introduce il lettore al trattamento basato sulla mentalizzazione, sviluppato da Anthony Bateman e Peter Fonagy per la presa in carico dei pazienti con disturbo borderline di personalità. Questa terapia, nata in ambito psicodinamico, propone un modello di cura in accordo con le linee guida internazionali per il trattamento di questo disturbo e ha ottenuto buone verifiche di efficacia in diversi studi di esito. Le strategie e le tecniche proposte dagli autori sono compatibili con i più recenti modelli in ambito cognitivista, pur mantenendo la loro specificità.

Sul funzionamento “tonico” di queste calzature la fisioterapista è possibilista e ci spiega: “L’appoggio non è mai stabile ma in continuo mutamento. In questo modo si stimolano costantemente le catene muscolari anteriori e posteriori anche con sollecitazioni generate dal basculamento del corpo avanti e indietro”. Ma è netta quando le si chiede se questi ritrovati possano sostituire i plantari: “La differenza tra una calzatura ‘tonificante’ e un plantare è che quest’ultimo è studiato per assicurare punti di appoggio fissi, calcolati sul peso del corpo e sulla distribuzione dei carichi sull’intera pianta del piede.

Per gli amanti del surreale lo spettacolo perfetto è ‘Confidenze troppo intime’ nel quale Anna nel recarsi dal suo nuovo psicanalista sbaglia ufficio e finisce per svelare i suoi più reconditi segreti a un consulente finanziario. Lo spettacolo andrà in scena al Teatro Litta (Corso Magenta 24; biglietto a partire da 11 euro). Tutte le informazioni.

In una rassegna retrospettiva, hanno analizzato sette risultati nel 267 bambini dopo chirurgia cardiaca. Ci sono stati 145 pazienti che hanno ricevuto cure nei sei mesi precedenti protocolli sono stati istituiti, rispetto a 122 pazienti nel periodo post protocollo gruppo. Nel post protocollo di gruppo, il team di studio ha rilevato una notevole riduzione della lunghezza di intubazione post operatorio (10 ore contro 22 ore nel periodo pre protocollo di gruppo) e una drastica riduzione del numero dei pazienti trattati con ventilazione meccanica più di 7 giorni ( 7% vs 1%).

Tagged on:

Lascia un commento